Panorama 1
Personaggi adraniti

PREVOSTO PIETRO BRANCHINA Musicista e compositore di musica sacra

Il prevosto Pietro Branchina, insigne compositore di musica sacra, arricchi con il suo grande genio artistico, la tradizione musicale adranita.

Nato in Adrano, allora Adernò, il 29 maggio 1876 da Nicolò e Grazia Di Fazio, umili contadini, fin da piccolo mostrò inclinazione per la musica e imparò da solo l'organo.

A undici anni era già in grado di accompagnare con l'organo canti sacri in molte chiese, e a scrivere qualche canzoncina alla Madonna; era talmente bravo che il Maestro Vincenzo Cacia si offri di impartirgli gratis le prime nozioni di teoria musicale.

 Da bambino era di salute malferma e il padre, allora, non potendo avviarlo al  lavoro della terra, gli permise di fare il sagrestano nella chiesa della Catena, dove il rettore gli dava anche lezioni di latino. Anche il Prevosto Salvatore Petronio Russo, colpito dalla naturale inclinazione di Pietro verso la musica, lo aiutò, nominandolo organista della Chiesa Madre.

maturato il desiderio di prendere la via del sacerdozio, finalmente a diciotto anni, con una borsa di studio comunale, potè entrare nel Seminario di Catania, dove fu mantenuto per tutto il corso degli studi dalla carità di tanti benefattori. Per le spiccate doti musicali, nel 1896 fu nominato direttore della cappella del Seminario, dove cosituì una "Schola cantorum" di 50 voci dispari che eseguivano musica sacra di grandi compositori.

In questo periodo, sotto la guida del maestro Filippo Taralli, seguì un corso di canto gregoriano e di musica sacra d'organo e compose varie cantate che venivano eseguite con successo nella cattedrale di Catania.

L'arcivesco di Catania Francica Nava, aprezzando molto il suo straoridnario talento musicale, lo mandò a Roma, presso l'Accademia di Santa Cecilia, dove compì gli studi di canto gregoriano sotto i maestri don Lorenzo Perosi e Rodolfo Kauzler.
Nel dicembre del 1903 fu ordinato Sacerdote e nel giugno del 1904 conseguì il Diploma dì Magistero in Canto gregoriano. Don Pietro Branchina,quindi, si
trasferì a Padova, dove perfezionò gli studi presso il maestro Luigi Bottazzi e
conseguì con ottimi voti il Diploma di " annonia, contrappunto, composizione ed organo".
Durante il soggiorno a Padova scrisse numerose composizioni che lo resero
famoso in Italia e all'estero. Il 31 gennaio del 1905 entrò in contatto col Direttore della rivista americana "Santa Cecilia" che pubblicò due sue composizioni, apprezzate dalla critica per "la spontaneità e semplicità delle melodie".
Tornato nel 1907 in Sicilia, ebbe altissimi incarichi come Maestro di canto gregoriano a Ragusa, a Comiso e a Siracusa.
Fu Prevosto della Matrice di Adernò dall'11 aprile 1920 fino al 1937, quando per dissensi con il clero locale si ritirò ad Acireale, assumendo la direzione dell'Istituto San Michele.
Nel 1945 tornò come Prevosto nel suo paese natale, dove morì l' 11 febbraio
1953, rimpianto da tutto il popolo non solo per la sua grandezza musicale, ma anche per la sua semplicità, bontà ed umiltà.
La produzione musicale del Prevosto Branchina è assai complessa, abbracciando la vasta ganuna della musica sacra che va dal gregoriano al mottetto, ai salmi, ai responsi, alle Messe ed a pezzi per organo.
Caratteristica importante della sua musica è la tecnica perfetta e allo stesso tempo semplice, ma rigorosa e precisa tanto che Don Lorenzo Perosi (Maestro di fama internazionale), suo insegnante, di lui disse: "E' un bravo musicista che si esprime bene, che bene sa quello che scrive e come lo scrive"

Delle sue opere più famose ricordiamo: "Missa quotiescumque in honorem Divae Agatae" (1910), dedicata a Papa Pio X, " Missa S. Lucia, " Missa Regina Pacis", "Te deum a due voci", "Tantum ergo", "Salve Regina",semplice e lirica., ma nello stesso tempo espressiva., "Mottetti", "Offertori" e "Inni".
Le composizioni più suggestive e celebri del Maestro adranita restano: l'opera 59 "Lode e onore del Sacro Volto", le "Sette Parole di Gesù Cristo in Croce",opera 190 per coro ed organo su versi di Pietro Metastasio e lo "Stabat Mater".
Tutt'ora molte delle sue composizioni vengono eseguite dalla "Corale Polifonica Pietro Branchina" di Adrano e da cori parrocchiali, perché sempre rimanga viva la musica e con essa la grande Figura del suo Compositore.

Sito della corale dedicata a pietro Branchina

http://www.coralepietrobranchina.it/

Sito del complesso bandistico di Adrano

 

Libri su Adrano
Chiese ...
Museo ...
Foto Antiche