Panorama 1
Angelo Buscemi (Poeta)

Buscemi Angelo (Poeta)

Il poeta Buscemi Angelo nasce in Adernò, oggi Adrano, il 25/10/1927 in una famiglia già sensibilizzata all’arte perché il padre era scrittore.
Ancora in tenera età rimane orfano del padre, eroe della prima guerra mondiale; viene educato dalla madre, donna Maria Stissi donna dal ferreo carattere, nell’ottica della fede cristiana e nella tradizione dei nostri padri.
Le vicende della vita lo portano ad abbandonare la scuola per eseguire svariati mestieri come il bracciante, il muratore ed infine il dipendente comunale.
Autodidatta, appassionato della storia come maestra di vita.
Il suo innato animo poetico lo porta a diventare un fervente devoto di San Nicolò Politi a cui dedica diverse sue opere poetiche.
Nel 1983 l’amministrazione del comune di Adrano lo insigne "fautore della pace tra Adrano e Alcara li Fusi.
Cura, raccogliendo documenti, la pratica di gemellaggio tra le due città.
Nel 1990 l’amministrazione lo encomia come poeta per meriti letterari assegnandogli una medaglia d’argento per aver illustrato la patria città e il Protettore, San Nicolò Politi.
In due volumi raccoglie le sue "Dediche, poesie, ricordi".
Scrive in vernacolo la "Vita di nostro Signore Gesù Cristo".
Compila la storia di "Cento anni del Circolo Progresso di cui viene nominato socio benemerito.
Varie e da ogni parte del panorama culturale gli apprezzamenti ricevuti per la sua instancabile attività poetica, volta principalmente a rafforzare la conoscenza e il culto di San Nicolò Politi tra la cittadinanza adranita.
Dotato di una non indifferente capacità di comunicazione, riusciva a coinvolgere, tramite il suo carattere simpatico e la sua gentilezza, i suoi interlocutori.
Uno dei suoi cinque figli è il poeta Benedetto Buscemi che ha raccolto dal padre e dal nonno l’inclinazione verso la creazione poetica in particolare e letteraria in generale .
A causa della morte sopravvenuta il 23/2/1998 molta della sua vasta produzione poetica è rimasta inedita e conservata gelosamente dai famigliari.

ADERNO'

Mi hai visto nascere
quando ancora ti chiamavi " Adernò".
Mi hai dato l'aria,
per respirare.
I miei occhi vedono le bellezze
che vide Nicolò l'Eremita.
Ho visto la cancrena della guerra,
che con odio ti distruggeva.
Ho visto i tuoi figli che con amore e fede
curarono le tue ferite,
e ti fecero più bella di prima.
Mi hai dato con la vita,
la gioia, la speranza, il dolore e la consolazione
del giorno più bello della tua storia,
quello della Pace,
nel nome di Colui, che ti ha dato per figlio,
San Nicolò Politi,
tuo onore e vanto.
Ti amo, Adrano, terra dei miei cari.
Per quello che ho potuto fare,
nel giorno della mia partenza,
vedrai il mio viso,
solcato da una lagrima,
oppure da un sorriso:
quello è per te,
è per Nicolò l'Eremita,
tua e mia speranza

Adrano 3 Luglio 1985
In occasione della Riconciliazione tra Adrano e Alcara Li Fusi

PRIJERA

Vergini Matri rigina di lu munnu
mannimi dui paroli duci duci
tocchimi lu cori sinu a n’funnu
pp’amuri di tò figghiu mortu ‘n cruci
si voi fari filici la mè vita
famni salutari 1u Santu Eremita

Vi salutu Santu Nicola
li vostri grazii vogghiu ancora
ccù passari li jurnati
lu mè cori cunsulati
Iu vi chiamu tutti l’uri
di Adranu prutitturi
la città a vui cara
prutiggiti sempri Alcara.

Li amici e li parenti
cunsulatili tempu nenti
prutiggiti li famigghi
cunsulati i nostri figghi
Nicolò santu eremita
Tu cunsola la mè vita
e si a Diu ccì piaci
duna a mia la tò paci

Tu di Adranu sì l’unicu vissillu
pruteggini di tutti li malanni
di la fami la pesti e 1u murbillu
Tu ca suffristi tanti longhi anni
Fai la nostra vita cunsulata
pp’amuri di Maria Immaculata.

Santu Nicola ti sugnu divotu
ppì tia chistu iu sappì fari
ppì tuttu la vita t’haiu fattu votu
ti raccumannu nun mi ‘bbanunari.
Accumpagnimi tu Santu Eremita
finu l’ultimu jornu di la vita.

(Tratto dall’Inno: Lodi a Dio, alla Vergine Madre e a San Nicolò Politi)

Lu Pueta e lu picciriddu

Nu jornu m'pueta
mentri passiava
vitti n' carusiddu
sulu ca jucava.

Lu vecchiu pueta
prisu di ddu ‘ncantu
si misi a taliari
e si ‘ssittau stancu.

Ssittatu nta na' petra
uardava e ricurdava
ca la sò carusanza
a muta già passava"

N’ tuttuna taliannu
l’occhiu unni cci jeva
supra 1u carusiddu
misu ca cianceva.

Allura lu pueta
a jddu s’avvicina
lu chiama e cci ‘ccarizza
dda facci nica e fina.

Cci rici: pirchì cianci
qaualcosa forse na’ jutu?
Si tu lu dici a mia
forsi ti dugnu aiutu.

All’ura lu carusu
ci rissi pristamenti:
si tu mi fai ‘ssittari
ti cuntu i me’ turmenti.

Ssettiti cca e cuntimi
lu pueta rispunni
mentri nu vasuneddu
ci rava ntra la frunti.

Lu picciriddu allura
cumincia a raccuntari:
"muriu me' patruzzu,
nu 'mpozzu cchiù jucari.

Ora ristaiu sulu
lu picciriddu dici,
nun pozzu cchiù jucari
perciò sugnu n’filici

e ogni tantu pensu
e a cianciri mi mettu
pirchì nun’ ciaiu a nuddu
di stringiri a lu pettu. "

Lu vecchiu pueta
sintennu chistu diri
lu ccodda a 1u so pettu
e si metti a cianciri.

Dicennucci " lu sacciu
papà lassau stu munnu,
ccu tia fazzu m’pattu
pigghimi comu nunnu.

Si tu mi voi ppi nannu
e jù- nun mi cunfunnu
li favuli ti cuntu
facennu n' giru tunnu".

Ddocu lu picciriddu
fa n’sautu e ccù rispettu
ci vasa prima a manu
e poi si poggia ò pettu.

Mentri lu nunnu parra
lu picciriddu ascuta,
tinennu l’occhi aperti
e la vuccuzza muta.

Lu cuntu era longu,
lu nicu s'addurmisci,
lu nunnu chidi l’occhi
e la puisia finisci.

Libri su Adrano
Chiese ...
Museo ...
Foto Antiche