Panorama 1
Personaggi

Turi Cariola Poeta dialettale

Turi Cariola, definito il poeta-contadino, con la sua ricca ed originale produzione dialettale si è guadagnato una meritatissima fama non solo nell'ambito adranita e caytanese, ma anche in quello siciliano e nazionale.
Nacque in Adrano il 7 luglio 1911 e morì sempre in Adrano il 6-9-1985. Figlio di Carlo Cariola, modesto coltivatore diretto e di Concetta Lo Re, frequentò le scuole elementari adranite che fu costretto ad interrompere perchè, essendo figlio unico, doveva aiutare il padre nel lavoro dei campi.
Fin da ragazzo si dedicò con passione allo studio della musica e da autodidatta imparò a suonare gli strumenti a corda; ebbe anche inclinazione per la pittura e la scultura per cui frequentò le lezioni di Simone Ronsisvalle fino all'età di sedici anni.
Giovanissimo sposò Concetta Sicurella e dalle loro nozze nacquero quattro figli.
Democratico e di fede cattolica, non si impegnò nella vita politica durante il periodo fascista, ma allo scoppio della II guerra mondiale, combattè per la Patria sul fronte albanese.
Fu a contatto con diversi poeti catanesi ed adraniti, tra cui Antonino Bulla e Nino Catania con il quale ebbe una relazione epistolare.
Partecipò a diversi concorsi letterari e fu tra i vincitori più applauditi; il 17 dicembre 1957 l'Opera Salesiana di Catania gli rilasciò il Diploma di "poeta dialettale siciliano" e nel 1973 l'Accademia "gli immortali d'Italia" di Messina, l'attestato di riconoscimento poetico.
L'attività letteraria del Cariola, che va dagli anni Cinquanta agli anni Sessanta, comprende numerose opere, molte ancora oggi inedite e conservate manoscritte dai familiari.
Le principali sono:
"Giulietta e Romeo" (1956) di 100 ottave;
"La scala suciali di lu munnu" (1957) di 28 ottave;
"Struzioni ppi la Santa Missa" (1958) di 55 ottave;
"Li misteri di lu Santu Rusario" (1960)
"La Simana Santa" (1968) di 9 ottave;
"Turiddu e Rusalia" (1971), romanzo autobiografico;
"Mentri a li campi", raccolta lirica di 41 poesie, scritte in vari periodi, ordinate dal figlio, che si trovano nell'archivio storico del Castello Normanno;
"San Nicolò Politi" di 98 ottave, pubblicata nel 1971, nell'VIII° centenario della morte del Santo.
Riportiamo alcune poesie, tratte da "Mentri a li campi", cominciando con quella che ha dato il titolo alla raccolta:

MENTRI A LI CAMPI

Mentri a li campi dugnu attivitati
ccu forza abituali a li faccenni,
la Musa mi fa spissu 'mpruvvisati
e mentri 'zzappu idda mi difendi:
mi fa pigghiari tanti ripusati
e chiddu c'haji a fari non mirenni;
cci dicu: - Musa, 'n pocu di buntati,
lassimi 'n paci... senza ca t'affenni -.

Ma idda pari musca cavaddina,
mi duna versi e devu dari cuntu,
di cchiù quannu mi susu la matina.
Vaju 'n campagna ppi li fatti mei
e mancu sacciu dunni sugnu juntu...
pirchì vaju pinsannu puisei.



LU VIDDANU FIDILI (1966)

Lu me' misteri è chiddu di viddanu,
na luso' jornu sbilai matinu,
ntra tantu jelu, ppi fari 'n mazzettu di faviani,
ccu fidi e affettu.
Di seculi e seculi s'ha usato
ca S. Giuseppi ccu favi ha nisciutu
ppi binidiri i campi 'u biatu,
ca sulu iddu ni po' dari aiutu

Lu sacirdoti nun li riciviu
ca favi nun ni voli mancu Diu!



LA MATRI (1957)

Nuddu po' diri "Mi matri è pagata
di chiddu ca mi fici 'nta la vita..."
ca, si dici chissu, è pirsuna 'ngrata;
la matri nun si paga cca munita,
la paga sulu a pirsuna ducata,
,n cangiu d'affettu ccu buntà 'nfinita.



SENZA PAURA

La morti fa viaggiu di continu,
distruggennu lu geniri umanu:
la prima fu d'Abbeli ppi Cainu...
l'urtima è di 'n parrinu 'n saristanu.
L'omu 'nta chista terra è 'n pillirinu,
cerca filicità, ma tuttu è vanu,
biatu cù si metti ppi cuscinu
pinseru di pirfettu cristianu.

Senza paura passa la sò vita
e ppi lu celu si va fannu strata
ccu la cuscenza tranquilla e pulita.
Quannu l'armuzza sò veni chiamata
a la morti ci vinci la partita...
'n celu spetta lu corpu a la balata.



LA NOTTI

Codda lu suli e l'aria si scura,
lu munnu di silenziu si para,
ogni stidduzza fa la sò lustrura,
la luna 'cchiana sfaiddannu chiara;
l'armaluzzi si 'mogghiunu la cura,
ognunu ppi durmiri si pripara,
riposa l'omu 'nsemi a la natura...
e si la scorda la sò vita amara.



A LU SULI

Comu 'n liuni spunti a l'urizzunti
ed amurusu tu vasi ogni latu,
vidi chianuri, vaddi mari e munti
e tuttu pasci ccu l'ardenti sciatu.
La vita porti 'nta tutti li punti
ca senza tia nenti fussi natu...
e si ppi sempri, gran suli, tramunti,
signi la fini a tuttu lu criatu.


Dall'attenzione alla natura propria del contadino che pazienta ed attende, il poeta ha ricavato immagini semplici, ma dirette, capaci di comunicare sentimenti profondi. Turi Cariola, sensibilmente legato alla sua terra ed alle sue tradizioni, con la sua poesia spontanea, vivace, fresca, ricca di temi autobiografici, familiari e religiosi, di episodi di cronaca quotidiana, di descrizioni naturalistiche, ha arricchito il mondo poetico ed artistico di Adrano.

Libri su Adrano
Chiese ...
Museo ...
Foto Antiche