Panorama 1
Maccarrone Alfio

Maccarrone Alfio Poeta - Cantastorie

L'autore racconta
Fin da ragazzo ho sempre avuto una grande passione verso la poesia; durante la giovinezza seguivo e ascoltavo con vivo interesse i "Canta storie" nelle piazze del paese - usanza che purtroppo è svanita.
I poeti che più apprezzavo erano Orazio Strano e Cicciu Busacca, entrambi siciliani. Leggendo con entusiasmo i loro opuscoletti, che contengono svariate storie e poesie, sono riuscito ad impararne alcune come quella di "Salvatore Giuliano". Ho anche letto il libro del bravo poeta Giuseppe Giusti e ne ho apprezzato la raffinatezza.
Nella giovinezza non ho mai minimamente pensato di scrivere; ma un giorno, non molto tempo fà, mi è venuta l'ispirazione e ho provato a comporre; così ho scoperto la mia modesta vena e mi sono incoraggiato.
Nel 1990 ho scritto il mio primo libro , e d'allora dedico il mio tempo libero a comporre.

Lu luni di Pasqua

Lu luni di Pasqua, jornu d'alligria
pirchì si riunisci la famigghia,
tra l'amici nasci tanta cumpagnia,
lu veru spassu d'ognu'unu si pigghia.
Nun c'è bisognu di na massaria,
cci basta 'nfasciu i ligna e 'na gradigghia,
cu dduma lu focu e cu cci 'ttizza,
ni rustemu tutti 'nsemi la sasizza.

C'è la scacciata, la torta e la pizza,
ova, frittelli e cacoccioli rrustuti,
portunu chisti cosi pisantizza,
e la sira semu tutti panzuti.
Ppi ddu jornu nun si usa la finizza
ni calamu lu ccappucciu muti, muti,
amici e parenti stamu vicinu,
mangiannu e bivennu di cuntinu.

'Na chista festa nun manca lu vinu,
e mancu coca cola e aranciata,
d'ogn'unu dici nun sugnu parrinu,
e si lu vivi puru 'cca cannata,
tra musica e canti si forma 'nfistinu,
e tanti ni facemu na ballata,
e riturnamu a sira di lu luni,
tutti ccu li peri a 'ttrascinuni.

Gran cunsigghui

A li vecchi e l'anziani, veramenti,
vi dicu du paroli 'nterissanti,
pigghiamunnilli li divertimenti,
primu ca divintamu cchiù pisanti.
Nun ci 'ncasciamu e stringemu li denti,
anchi na li frastorni cchiù siccanti,
ed ora iù vi dicu amici cari,
nun vali la pena di risparmiari.

Lu vecchiu e l'anzianu, lu pò fari,
pirchì ogni dui misi v'assiggiri,
cci bastanu sicuri ppi manciari,
e si pò anchi commutu vistiri.
Siddu cci su soldi di pigghiari,
si sciarrianu cu si la spartiri,
e dicunu sicuru tanti e tanti,
la facci di 'ddu poviru gnuranti.

Ora vi dicu ca sunu birbanti:
diversi figghi, niputi e parenti,
'ppi scopu qualchi d'unu si fa avanti,
e si dimustra troppu risulenti.
Ppi 'ffari 'nsirvizu cerca li guanti,
e di cuncretu nun cummina nenti,
manciamu e vivemu ca beni ni fanu,
e viva lu vecchiu e puru l'anzianu.

Libri su Adrano
Chiese ...
Museo ...
Foto Antiche