Panorama 1
Sciacca Alfio
Sciacca Alfio Poeta dialettale

edico questi versi, all'unico posto onesto e dignitoso.
Adrano - 9/11/97.

Emulo del grande Totò il Sciacca porta qui la Sua Iivella.
E così, come è l'anima del poeta, Onesta e semplice stesso modo si esprime nel far brillare il Suo modo di essere... Puro e altamente Poetico, riflessivo e sano indirizzo verso una società più degna la poesia è e vuole essere un chiaro invito per quei poveri o ricchi nel cuore, perchè tutti possiamo guardare verso la luce. La lirica é vero messaggio di stile perfettamente CRISTIANO.

considerazione di CIRINO RAPISARDA

BREVI CENNI DI MOSTRE ARTISTICHE E POESIA:

Mostra Artigiana in pietra lavica con targa di riconoscimento
Comune di Adrano 1985 -( 6 volte) in villa Comunale.
Lavori in pietra lavica in diversi privati e nel MUSEO ARCHEOLOGICO dl Adrano - (ponte dei Saraceni)

Poesie a concorso:
Premio S.Valentino con la Poesia: "Veni cc'mia"
Mineo 1990 - Diverse rassegne in "Sciuri di Muncibbeddu"
in Biancavilla,anni 90 etcc. - "NATALE IN PIAZZA" targa con diploma di benemerenza: Caltanissetta 1990 - "Gruppo folcloristico" targa ricordo - Palagonia.
Premio S. M. di Licodia con targa di benemerenza... 1989
"Ass. Don Antonio La Mela" targa di riconoscinénto, Adrano. -
A.C.R. medaglia al merito per la Poesia - Militello V. di Catanta' 1998.



Terra d'oru

Turista, ca lu Munnu vai giranrru,
e tanti così ti metti a guardari,
ca notti, e 'gghiornu tu va furriannu,
e non ti stanchi mai a taliari.
Va canuscennu lu beni, e lu dannu,
e non finisci mai di 'nparari,
scusa siddu 'pì 'n-pocu ti cumannu,
'n-tisoru ti vulissi prisintari

sacciu 'na terra, furtunata a tri pizza,
è tutta circiantata di lu mari,
E' sempri china di gioia, e alligrizza,
ca rnentri, campu, non pozzu scurdari.
Pruduci frutti, d'estrema ducizza,
ca mi dannu la forza di carnpari,
si 'mmalluntanu sentu 'ma tristizza,
ca mi custrinci a farimi turnari

C'è 'Rrignanti, chiamatu Mungi Beddu,
stà terra 'n-tornu, è la sò rigina,
ca s'inchina, e si leva lu 'ccappeddu,
e lu preja cù vuci ciangiulina.
Quannu è calmu 'chi ci pari beddu
lu Suli, cù la Luna lu llumina,
ma si s'infoca , trema ogni castedun,
jttannu focu porta la ruvina.

Turista, ti parraidi stu tisoru,
n-zoccu ti dissi, é la viritati,
e dì unni passu sentu vuci a coru,
ca ripetennu Amuri, e dignitati
iù restu sempri cà fina ca moru,
è la 'mè terra, e onuri mi fà,
ma si non cridi, a lu 'mé dicoru,
veni tùrista, 'ca resti sempri 'ccà.


L'unicu postu dignitusu

L'unicu postu ca a tutti riduci,
lu pazzu furiusu fermu stà,
lu ciarlatanu resta senza vuci,
lu marvaggiu viulenza non mi fa.
Lu latru non roba 'cchiù mancu na nuci
e manteni la giusta dignità;
e lu malatu 'ccu duluri atruci,
guarisci currennu e maluri non'à.

Lu postu è signalau 'ccù na cruci,
sutta la cruci na pirsuna 'ccì stà;
la notti na lampuzza a poca luci,
add'arma Santa lustrura 'ccì fà,
Nuddu s,ammazza, nissunu fa vuci,
ogn'unu riposa 'ppì l'Eternità,
è Cijmiteru e l'amaru fa duci,
e la ricchizza diventa puvirtà.

Libri su Adrano
Chiese ...
Museo ...
Foto Antiche